Lemon Meringue Pie – Crostata Meringata al Limone

 

Lemon Meringue Pie - Crostata Meringata al Limone

Un’altra ricetta straniera, questa volta direttamente dagli Stati Uniti.

Ho vissuto negli States per 4 anni e ho sempre trovato i dolci americani disgustosi. Biscotti molli (ok, loro dicono soffici ma secondo me sono molli) e torte con un chilo di glassa stucchevolmente zuccherosa, e magari colorate.

Mi ricordo quando in una pasticceria mi hanno detto di provare gli “italian rainbow cookies”, biscotti arcobaleno italiani. Io ho iniziato con lo specificare che una cosa del genere in Italia non l’ho mai vista e ho proseguito con l’affermare che non vedo la necessità di usare chili di colorante!

Insomma sono difficile con i dolci, e in America non avevo vita facile, ma meglio così, si fa meno fatica a tenere sottocchio la linea senza troppe tentazioni.

Ci sono però alcune eccellenti eccezioni alla mia antipatia per i dolci americani. Innanzitutto i pancake, seguiti dalla key lime pie a parimerito con la lemon meringue pie.

Qui vi riporto la ricetta della Lemon Meringue Pie. Crostata Meringata al Limone, solo il nome fa venire l’acquolina in bocca! E in più ha un aspetto bellissimo, perché anche l’occhio vuole la sua parte. Il sapore è perfettamente bilanciato: la base è una brisé che si presta benissimo ai dolci come ai salati, la crema al limone è simile a una lemon curd leggermente acidula ma l’acidità non prende il sopravvento, la meringa è un tripudio di dolcezza, che bilancia perfettamente la crema al limone. Anche la consistenza vi lascerà senza parole: la base è friabile e quasi croccante, la crema al limone è consistente ma liscia e vellutata, la meringa è soffice e collassa in bocca ma la crosticina abbrustolita mantiene una consistenza che si va a mescolare a quella della crema al limone. Una delizia assoluta!

È la prima volta che provo a fare questa torta e devo dire che il risultato è stato eccellente. Unico neo la meringa che si è smontata una volta tolta la torta dal forno. Era anche la prima volta che facevo la meringa quindi ho imparato la lezione e sono sicura che la prossima volta andrà meglio. Se non ve la sentite di cimentarvi con la meringa sappiate che può essere sostituita con panna montata, oppure potete servirla come una deliziosa crostata al limone, magari spolverizzata con zucchero a velo. Qualunque versione decidiate di provare io qui vi do la ricetta completa per la Lemon Meringue Pie.

Questa crostata al limone non sembra semplicissima da realizzare e devo ammettere che mi spaventava un po’ tentarla. Inoltre temevo che l’acidità del limone avrebbe preso il sopravvento. E invece non è stato difficile prepararla, mi è riuscita bene e per niente acida, e ce la siamo scorpacciata più che volentieri!

Ho trovato mille ricette diverse per la Lemon Meringue Pie (letteralmente mille). Quindi ho deciso di usare la base consigliata nel mio adorato libero Frolla & Sfoglia Teoria e pratica dell’impasto di Michel Roux, non c’è una volta che mi sia andata male con gli impasti consigliati in questo libro. Per la crema è stata un po’ più dura, alcune ricette erano diametralmente diverse: alcune suggerivano di usare succo d’arancia, altre acqua altre latte, alcune suggerivano un po’ di succo di limone altre una tonnellata… Da bravo ingegnere ho deciso di fare la media tra le varie ricette ;) e sono molto contenta del risultato! Erano invece tutti d’accordo sugli ingredienti della copertura di meringa, ma non erano d’accordo sulla cottura. Su questo ho fallito quindi vi racconto la mia esperienza e se avete suggerimenti lasciatemi un commento. Solo sappiate che non deve diventare una meringa croccante, bensì una soffice nuvola zuccherina :)

Ingredienti

  • Per la base della crostata (Patè Brisè di Michel Roux)
    • 250 gr farina
    • 150 gr burro
    • 6 gr (1 cucchiaino) sale
    • 1 cucchiaio zucchero (1 pizzico nella ricetta originale)
    • 1 uovo
    • 15 ml latte freddo
  • Per la crema al limone
    • 75 gr amido di mais (io ho usato frumina)
    • 250 ml acqua
    • 125 ml latte
    • 180 ml succo di limone (da 3 limoni nel mio caso)
    • 180 gr zucchero
    • 25 gr burro
    • 4 tuorli (conservate gli albumi per la meringa)
    • 1 pizzico di sale
  • Per la meringa
    • 4 albumi
    • 100 gr zucchero a velo
    • 1 bustina di vanillina

Preparazione

Base della crostata - Pasta Brisè

Iniziate dalla pasta brisé dato che dovrà riposare in frigo. In una terrina misurate la farina, fate la fontana e versate al centro il burro leggermente ammorbidito, il sale, lo zucchero e l’uovo. Con la punta delle dita mescolate gli ingredienti (proprio come si fa per la frolla). Aggiungete il latte freddo e impastate velocemente. Formate una palla, avvolgete nella pellicola trasparente e riponete in frigo per 30 minuti.

Stendere la pasta

Quando la pasta si sarà raffreddata preriscaldate il forno a 190 gradi. Prendete la pasta brisé e stendetela su un piano infarinato finché sarà spessa 2 o 3 millimetri.

Crostata cottura cieca

Imburrate leggermente uno stampo per crostata, ricopritelo con la brisé, fate aderire bene la pasta al fondo e ai bordi e passate il matterello sui bordi dello stampo in modo da rimuovere la pasta in eccesso (dovreste avere circa un terzo di pasta in eccesso). Bucherellate il fondo con una forchetta e procedete con la cottura cieca: ricoprite la pasta con della carta da forno e cospargetela di fagioli secchi. Infornate per 25 minuti. Rimuovete la carta forno e i fagioli e rimettete in forno per 3 minuti. I fagioli usati per la cottura cieca non sono più commestibili ma potete conservarli per altre cotture cieche in futuro.

Crema al limone

Per preparare la crema al limone innanzitutto mescolate i liquidi: acqua, latte e succo di limone.

In una ciotola mescolate l’amido con un terzo dei liquidi.

In un’altra ciotola battete leggermente i tuorli con un pizzico di sale.

In un pentolino (io ho usato un pentolino da 1 litro e la crema arrivava giusto al bordo, vi consiglio perciò di usarne uno un po’ più grande) versate i rimanenti due terzi dei liquidi, lo zucchero e il burro e portate a ebollizione.

Appena bolle versate nella ciotola con il composto di amido, un po’ per volta mescolando bene. Aggiungete i tuorli, incorporate, versate nuovamente nel pentolino, riponete sul fuoco e mescolando continuamente (meglio se con una frusta) portate di nuovo a ebollizione. Bollite per pochi minuti finché la crema avrà preso consistenza e non sarà più liquida.

Meringa

Infine preparate la meringa. Montate gli albumi a neve ben ferma (sia la ciotola sia le fruste che userete devono essere pulitissime senza traccia di grassi). Vi consiglio di usare uno sbattitore elettrico, montare 4 albumi a mano è stremante (indovinate come faccio a saperlo?). Quando gli albumi saranno durissimi (potete capovolgere la ciotola e non andranno da nessuna parte. Sì, davvero!) poco per volta aggiungete lo zucchero a velo e una bustina di vanillina e incorporate sempre usando la frusta.

Assemblaggio della Lemon Meringue Pie - Crostata Meringata al Limone

Tutti gli strati sono pronti ed è ora di comporre la vostra Lemon Meringue Pie – Crostata Meringata al Limone. Riempite la base di crema al limone e livellate bene. Versate la meringa a cucchiaiate, coprite bene lasciando una montagnetta al centro e poi fate in modo che la superficie non sia piatta, date delle cucchiaiate qui e lì e il gioco è fatto.

Infornate per 45-50 minuti a 160 gradi. Non aprite MAI la porta del forno durante la cottura e a cottura terminata spegnete il forno e al massimo aprite uno spiraglino ma non togliete la torta dal forno perché la meringa si smonterà passando velocemente dal forno a una temperatura molto più bassa (la cucina!).

Meringa

Lasciate raffreddare e servite :)

Se pensate che questa Lemon Meringue Pie – Crostata Meringata al Limone abbia un aspetto stratosferico ma davvero non volete tentare la sorte con la meringa montate della panna con un po’ di zucchero a velo e versatela a cucchiaiate sulla crema. Mi raccomando la crema deve essere completamente fredda quando ci versate la panna! Nel caso della meringa invece è meglio se la crema è ancora calda quando versate la meringa così si cucinerà anche grazie al contatto con la crema.

11 Responses to Lemon Meringue Pie – Crostata Meringata al Limone

  1. ciao, la tua torta è bellissima! una volta l’ho fatta ma gli albumi si sono sciolti! con la tua è successo? la torta una volta fredda va in frigo giusto?

    • Ciao Emanuela! No, la copertura di meringa non si è sciolta, si è solo abbassata un po’ quando ho aperto il forno. Penso che il problema sia stato lo sbalzo di temperatura repentino (Berlino!). Io non l’ho conservata in frigo, ma solo perché da queste parti fa freddo anche senza frigo, e l’abbiamo consumata in fretta ;) Fammi sapere qual è il risultato se decidi di cimentarti. O ricoprila di panna montata, perfetto risultato assicurato!

  2. L’ho fatta ed è venuta uno spettacolo spettacolare.
    Adoro la crema che con il suo gusto agre si contrappone al dolce della meringa. Erano mesi che volevo farla e ieri ci ho provato: il risultato è una sola piccola fetta avanzata stamattina.

    Anche a me la meringa si è un po’ “ammosciata” ma niente di che, secondo me, il gusto e la bellezza di questo dolce compensano!

    • Ciao Angela! Mi fa davvero piacere che ti sia venuta bene, e’ buonissima vero? Penso proprio che questo week end la rifaro’. Pero’ mi sa che provero’ con una copertura di panna montata, sperimentiamo :) Grazie per il tuo commento!!

  3. Ma la meringa dentro deve essere solida, croccante e friabile? Perchè a me è venuta soffice e un po’ “gommosa” (più simile al marshmallow che alla meringa) nonostante l’esterno fosse bello dorato proprio come nella foto… Comunque bellissima ricetta! :)

    • Ciao Ludmilla! Si si, deve essere soffice soffice dentro, spumosa. E’ buona, vero! ;)

  4. Sostituire frumina/maizena alla farina..compromette la riuscita della crema?

    • Ciao Gea, frumina o maizena sono ideali per la crema, la farina invece potrebbe fare grumi. Per la frolla però meglio usare farina, il glutine rende la pasta croccante e consistente.

  5. E la fecola di patate?

  6. Ciao,
    io sono una di quelle che preferirebbe sostituire la panna alla meringa ma in questo modo non è necessaria la seconda cottura, vero?Brisee e crema al limone sono sufficientemente cotte?

Rispondi