Parigi – Parte 1

Sono di ritorno da un viaggetto a Parigi e devo proprio dirlo: che città! Mi sono innamorata di Parigi a prima vista, e anche se sono appena tornata, Parigi è ancora nella mia lista di posti da visitare. Il mio viaggio è stato troppo breve e non mi ha permesso di vedere tutto quello che avrei voluto, inoltre Parigi è molto più grande di quanto mi sarei aspettata.

Parigi è bella, è romantica, ti lascia senza parole, è elaborata, immensa e molto molto ancora. Non posso raccontarvi tutte le bellissime cose che ho visto o questo post non finirebbe più quindi vi dico quello che mi ha divertito di più e vi do qualche suggerimento se pensate di visitare Parigi. Inoltre seguirà un Parigi – Parte 2 con le leccornie del viaggio.

 Insegna Metropolitain

Il Louvre

Il Louvre ha 16 chilometri di gallerie. Se voleste osservare ogni quadro e statua nel Louvre per un minuto la vostra visita durerebbe 4 mesi.

Louvre

Da destra a sinistra tutto l’edificio è il Louvre

Louvre

… e dietro c’è un altro edificio identico al primo

I ponti sulla Senna

Ci sono un sacco di ponti bellissimi sulla Senna. Sono tutti unici e vale la pena passeggiare su ognuno di loro. Alcuni ponti sono meglio apprezzati da un giro in barca sulla Senna o una camminata lungo gli argini. I miei preferiti sono Pont Alexandre III, con tutti gli intarsi dorati, e Pont Neuf. Il video della canzone di Adele “Someone like you” è stato girato su Pont Alexandre III ;)

Pont Neuf (ponte nuovo) è il più vecchio ponte di Parigi. Fu chiamato “nuovo” perché pare essere il primo in pietra. E’ ornato da caricature dei ministri del re Enrico IV. La storia narra che Enrico IV fece una grande festa e tutti gli ospiti si ubriacarono. A quel punto il re chiamò un artista per disegnare delle caricature dei ministri. E poi, non ancora soddisfatto, decise di far scolpire le caricature e attaccarle al ponte!

Pont Neuf

I giardini

A prima vista gli alberi potati in forma quadrata mi hanno fatto troppo ridere. Poi però, guardando i giardini nel loro insieme, ho realizzato che quando quegli alberi saranno pieni di foglie, contribuiranno a dirigere la vista verso il punto focale, che esso sia la tour Eiffel, l’obelisco in Place de la Concorde o l’Arc de Triomphe du Carrousel. I miei giardini preferiti sono i Jardin des Tuileries, che si estendono dalle piramidi del Louvre.

Potatura alberi

Parigi senza spendere una fortuna

Se avete meno di 25 anni e siete cittadini dell’Unione Europea molti musei a Parigi sono gratis. I musei che non sono gratis offrono comunque uno sconto. Approfittatene!

Le file per l’ingresso ai musei e ai monumenti sono infinite. Potreste stare in fila ore (davvero) prima di riuscire ad acquistare il vostro biglietto, e se è una fredda giornata d’inverno o una calda giornata d’estate sarà un incubo! Inoltre, stando in fila ore state perdendo tempo prezioso che potreste spendere visitando Parigi. Quindi, fate un po’ di ricerca prima di partire, decidete che musei e monumenti volete visitare e acquistate il vostro biglietto su internet. Costerà un paio di euro in più, ma secondo me li vale tutti!

Tour gratuiti? Approfittatene! Cercate con google e troverete diverse compagnie che offrono tour gratuiti di Parigi. Se sapete l’inglese o lo spagnolo avrete più scelta ma ce ne sono anche in italiano. I tour gratis sono divertenti, istruttivi e un ottimo modo per capire cosa si trova dove. Come possono essere gratis? Beh, le guide lavorano per le mance. Non dovete per forza dare la mancia ma se pensate che la guida abbia fatto un buon lavoro, perché non ricompensarla? Quante volte vi capita di poter decidere quanto pagare qualcuno, quanto il suo lavoro vale, invece di sentirvi derubati da un prezzo imposto? Non so voi ma io mi sento spesso derubata! Inoltre di solito alla fine del tour si possono acquistare biglietti per altri tour con uno sconto. Io e il maritino ci siamo uniti ad un tour gratis di 3 ore e mezza (davvero). E’ stato uno spasso!

Non lo sapremo mai

Mentre eravamo a Parigi c’è stato il passaggio all’ora legale. Passando la domenica mattina in centro a Parigi ci siamo accorti che tutti gli orologi facevano l’ora giusta e ci siamo chiesti: chi sposta le lancette di tutti gli orologi della città?

Orologi di Parigi

 

Au revoir Paris!

Tour Eiffel

One Response to Parigi – Parte 1

Rispondi